Weater Report monografia del gruppo. Artista/Gruppo: Weater Report
Titolo: Monografia seconda parte
Web site: --------------------
Autore: Antonio De Pascale
Pubb. il: --/--/----
Copyryght: Antonio De PAscale per www.music-on-tnt.com

Sei in: Home > Monografie

Nel 1976, con l'uscita del best seller Black Market si schiudono alla formazione le hit e le platee di tutto il mondo. Il disco è equilibrato, caldo, denso di colori, armonioso come il naif della copertina che richiama scenari tropicali da sogno ed il suo successo è costruito su brani come Black Market, Elegant People, Cannonball omaggio allo scomparso compagno di avventure di Zawinul, Gibiltair, Three Clown e non ultima Barbary Coast, tutta giocata su un efficace giro di basso di Pastorius e sulle steel drums di Acuna.

Da bravi meteorologi Zawinul e compagni intuiscono che il tempo volge per loro al bello stabile e, senza farsi attendere più del necessario dal vasto pubblico, approdato numeroso anche dalle sponde del rock, pubblicano Heavy Wheather.

L'album è una autentica over dose di energia creativa, potente, spigoloso, vario, intelligente, per alcuni critici eccessivamente "leccato" ed un tantino presuntuoso ma sicuramente tanto accattivante, esaltato come "tour de force di arrangiamenti e buffet pieno di cibi per le orecchie" dalle note del booklet della nuova rimasterizzazione su CD ed aggiungerei "tour de force per il vostro impianto HiFi" che, si spera, vi permetterà di intuire in tutta la sua imponenza l'incessante lavoro svolto dai musicisti.

Direi in quattro parole: immancabile nella vostra discoteca.

Zawinul è una power station di suoni, Shorter è …..Shorter, Pastorius, e la sezione percussiva alla quale si è aggiunto Manolo Badrena, creano l'instancabile clockwork pulsante del gruppo. L'album che ancora oggi sembra immune alle mode ed alle insidie dei decenni che passano si apre con la famosa composizione di Zawinul intitolata Birdland, che ben presto si troverà in testa alle hit mondiali e che sarà saccheggiata dai pubblicitari e dai media nonché incisa in una altrettanto famosa versione vocale dai Manhattan Transfer.

A Birdland segue un emozionante susseguirsi di capolavori: si parte dalle delicate ed intime atmosfere di A Remake You Made o di Harlequin per arrivare a brani più adrenalinici come Teen Town, dalla quale traspare tutta la genialità di Pastorius, Rumba Mama, jam di percussioni tribali che introduce alla entusiasmante sequenza di Palladium, The Juggler, ed Havona, da ascoltare a volume sostenuto (ed i vicini ve ne saranno grati:-P).

La formazione è probabilmente all'apice della parabola, i concerti in tutto il mondo registrano il sold-out ma, al contempo, diventano sempre più frequenti le voci di dissidi tra i due cervelli del gruppo dovuti a questioni di carattere finanziario. Con il nuovo lavoro intitolato Mr Gone (1978), occorre registrare l'ingresso di drummers di grosso calibro come Peter Erskine, Tony Williams e Steve Gadd.

L'album appare piuttosto appannato, poco spontaneo e caratterizzato dalla crescente invadenza dei suoni sintetici ed inquietanti provenienti dalle tastiere e dai campionatori di Zawinul. Comunque da segnalare brani come The Elders, Punk Jazz che si apre con un veloce assolo di Pastorius e continua con il tranquillo fraseggio del sax di Shorter, Pinocchio, vecchio standard di Shorter pregevolmente eseguito nel 1967 dalla tromba di Miles Davis per chiudere con lo sdolcinato And Then, da ricordare, più che altro, per l'intervento di Morrice White, voce degli Earth Wind & Fire.

Con la pubblicazione di un doppio album parzialmente live intitolato 8:30 i nostri tirano i primi bilanci. Le innovazioni sono minime ma traspare il fascino di una macchina ormai perfetta anche nelle esibizioni dal vivo. I Weather Report versione live sono un treno in corsa, un caterpillar al lavoro insomma energia allo stato puro e questo album lo testimonia, purtroppo, solo parzialmente. Con il solito sound estremamente curato ed i sapienti ed evocativi campionamenti di Zawinul, sono proposte delle interessanti riletture di precedenti capolavori come Black Market, Teen Town.

In quest'ultima, come nella versione studio, troviamo il solito strepitoso Pastorius che si produce poi, in un brano successivo intitolato Slang, in una tiratissima improvvisazione densa di citazioni. A Remake You Made è sempre da ascoltare ad occhi chiusi ed in chiusura una splendida Badia/Bolgie Woogie Medley ci rimanda in studio con i brani inediti della quarta facciata tra i quali si distinguono Brown Street e Sightseein.

Night Passage (1980) è il nuovo lavoro del gruppo, promosso anche in Italia con una serie di concerti, tra i quali quella per me sconvolgente esperienza (gli stupefacenti non c'entrano!!) che è stato il concerto del Palaeur di Roma. Con questo lavoro, certamente godibile, i Weather Report abbandonano le asfittiche e "plasticose" sonorità di Mr. Gone, per tornare in ambiti più strettamente jazzistici.

Episodi rimarchevoli, accomunati tutti da uno Shorter che riacquista spazi a lui più congeniali, sono Dream Clock, Port of Entry veloce brano scritto dal saxfonista e trainato dal solito inarrestabile basso di Jaco Pastorius, Rockin' in Rhythm fresca reinterpretazione di un tema di Duke Ellington, Fast City guizzante e spigolosa, Three Views of a Secret e la esotica Madadascar.

La storia del Bollettino Meteorologico vive i capitoli finali, il marchio Weather Report si riconosce ormai in un genere, i due leader storici gestiscono, sull'abbrivio della notorietà acquisita negli anni precedenti, una redditizia macchina da spettacolo, ma la verve creativa del gruppo è armai arrivata al capolinea. Intendiamoci, i lavori che verranno pubblicati sono sempre (tra alti e bassi) abbastanza gradevoli e curati, gli standard qualitativi sono di un certo pregio, ma è sempre più difficile sottrarsi alla sensazione del "già sentito" o restare sorpresi dalla genialità delle invenzioni melodiche.

La saga continua con Weather Report (1982), lavoro con il quale l'organico del gruppo sembra essersi assestato con Peter Erskine alla batteria e Robert Thomas alle percussioni. Rimarchevoli la breve suite in tre parti intitolata N.Y.C., l'immancabile brano di influsso etnico intitolato Dara Factor One, le piacevoli melodie di When It Was Now, e Speechless.

Nel 1983, con la pubblicazione di Procession, occorre segnalare l'uscita dal gruppo di Jaco Pastorius, che eccettuate alcune collaborazioni, si emarginerà in una anonima carriera solistica e, cosa ancora più triste, troverà ben presto una prematura, tragica fine.

Anche Peter Erskine e Robert Thomas non saranno più della partita e verranno sostituiti rispettivamente da Victor Bailey, Omar Hakim e Jose Rossy. Episodi rilevanti del disco sono Procession caratterizzato da un tipico crescendo "reportiano", Plaza Real con il refrain eseguito da Rossy alla concertina, Where the Moon Goes con la partecipazione dei celebri Manhattan Transfer ed infine Molasses Run nella quale il basso di Victor Bailey riesce ad attenuare la nostalgia per la dipartita di Pastorius.

Il nuovo album intitolato Domino Theory (1984) si apre con Can It Be Done, una canzoncina cantata da Carl Anderson, che poi diventerà il vocalist di fiducia di Zawinul, seguita da The Peasant che è solo l'ombra dei brani di intonazione simile come Badia o Jungle Book.

Il disco scivola senza episodi degni di nota fino al brano di chiusura (Domino Theory) che anticipa qualche futuro lavoro della produzione solista del tastierista austriaco, con una world music piuttosto "liofilizzata" perché prodotta (forse per un eccessivo senso di "onnipotenza") solo con strumenti elettronici.

Nel 1985 è la volta di Sportin' Life, che con Minu Cinelu al basso e Bobby McFerrin al fianco di Carl Anderson, continua il cambio di rotta verso i redditizi lidi di una musica più disimpegnata. Con episodi come Indiscretion, Hot Cargo, Confians, viene snocciolata una fusion facile-facile, non sgradevole, ben costruita ma, che alla lunga, specie per i fan storici del gruppo, risulta stucchevole.

Il nuovo capitolo discografico della storia dei Weather Report è This is This e la partecipazione di un Carlos Santana, in pieno coma artistico, suona da epitaffio per i Capiscuola del Jazz Rock eredi del Grande Maestro Miles Davis.

Discografia del gruppo:

  1. Weather Report Weather Report (1971) Wayne Shorter (sax sopr., sax ten.) Joe Zawinul (piano, el.piano), Miroslav Vitous (contrab., basso el.), Alphonse Mouzon (bat.), Airto Moreira (perc.) Barbara Bourton (perc.) Milky Way, Umbrellas, Seventh Arrow, Orange Lady // Morning Lake, Waterfall, Tears, Eurydice
  2. Ossiach Live (1971)Artisti Vari Wayne Shorter (sax sopr.) Joe Zawinul (piano, el.piano), Miroslav Vitous (contrab., basso el.), Alphonse Mouzon (bat.), Dom Um Romao (perc.) Eurydice
  3. Jazz Workshop '71 Artisti Vari (1971) Wayne Shorter (sax sopr., sax ten.) Joe Zawinul (piano, el.piano), Miroslav Vitous (contrab., basso el.), Alphonse Mouzon (bat.), Dom Um Romao (perc.), John Surman (clar.) Alan Skidmore (perc.), Eje Thelin (tromba) Umbrellas, Sunrise
  4. I Sing The Body Electric (1972) Wayne Shorter (sax sopr., sax ten.) Joe Zawinul (piano, el.piano), Miroslav Vitous (contrab., basso el.), Eric Gravatt (bat.), Dom Um Romao** (perc.), Ralph Towner* (chitarra 12 corde), Wilmer Wise (Tromba, ottavino), Andrew White* (corno inglese), Hubert Laws (flauto), Yolande Bavan, Joshie Armstrong Chapman Roberts (voci) Unknown Soldier*, The Moors**, Crystal, Second Sunday In August, Medley: VerticalInvader/ T.H./ Dr. Honoris Causa, Surucucù, Directions.
    L'album contiene parti di brani registrati durante un concerto a Tokio. I brani integrali sono stati pubblicati nel Live in Tokio.
  5. Live In Tokio (1972) Wayne Shorter (sax sopr., sax ten.) Joe Zawinul (piano, el.piano), Miroslav Vitous (contrab., basso el.), Eric Gravatt (bat.), Dom Um Romao (perc.) Medley: Vertical Invader/Seventh Arrow/T.H./Dr. Honoris Causa, Medley: Surucucù/Lost/Early/Minor/Direction/Orange Lady, Medley: Eurydice/The Moors, Medley:Tears/Umbrella
  6. Sweetnighter (1973) Wayne Shorter (sax sopr., sax ten.), Joe Zawinul (piano, el.piano), Miroslav Vitous (contrab., basso el.), Eric Gravatt (bat.), Dom Um Romao** (perc.), Andrew White* (basso elet., corno inglese), Harshell Dwellingham (batt.) Muraga (perc.) Boogie Woogie Waltz, Manolete, Adios // 125th Street Congress, Will, Non-Stop Home
  7. Mysterious Traveller (1974) Wayne Shorter (sax sopr., sax ten., conchiglia), Joe Zawinul (piano, el.piano, sint. melodica, perc. voci), Miroslav Vitous, Alphonso Johnson (contrab., basso el.), Ismael Wilburn,Skip Hadden (bat.), Don Hashworth (flauto, ocarina) Isacoff (tabla, cymbali), Dom Um Romao** (perc.) Nubian Sundance, American Tango, Cucumber Slumber, Mysterious Traveller //Blackthorn Rose, Scarlet Woman, Jungle Book
  8. Tale Spinnin' (1975) Wayne Shorter (sax sopr., sax ten.), Joe Zawinul (piano, el.piano, melodica, sint., mzuthra,xilofono, perc. voci), Alphonso Johnson (contrab., basso el.), Leon "Ndugu" Chancler (batt., timpani, cymbali), Alyrio Lima (perc.) Man In The Green Shirt, Lusitanos, Beetween The Thight//Badia, Freezing Fire, Five Short Stories.
  9. Black Market (1976) Wayne Shorter (sax sopr., sax ten.,lyricon), Joe Zawinul (piano, el.piano, sint.), Jaco Pastorius (basso el.), Chester Thompson, Narada Michael Walden (batt.) Alejandro Neciosup Acuna, Don Alias (perc.) Black Market, Cannon Ball, Gibraltar//Elegant people, Three Clowns, Barbary Coast Herandnu
  10. Heavy Weather (1977) Wayne Shorter (sax sopr., sax ten.), Joe Zawinul (piano, el.piano, sint., arp, chitarra, tabla, voci), Jaco Pastorius (basso el., mandoloncello, batt., steel drums, voci), Alejandro Neciosup Acuna, Don Alias (perc., congas, tom-toms), Manolo Badrena (batt. tamburelli, congas, voci) Birdland, A Remake You Made, Teen Town, Harlequin//Rumba Mama,Palladium, The Juggler, Havona
  11. Mr Gone (1978) Wayne Shorter (sax sopr., sax ten.), Joe Zawinul (piano, el.piano, sint., arp, kalimba, thumbeki drums), Jaco Pastorius (basso el., timpani, voci), Steve Gadd, Peter Erskine (batt.), Manolo Badrena, Deniece Williams, Maurice White (voci) The Pursuit Of The Woman With The Feathered Hat, River People, Young And Fine, The Elders//Mr Gone, Punk Jazz, Pinocchio, And Then
  12. 8:30 (1979) Wayne Shorter (sax sopr., sax ten.), Joe Zawinul (piano, el.piano, sint.), Jaco Pastorius (basso el., batt.), Peter Erskine (batt.) Eric Zawinul (perc.), membri della West Los Angeles Christian Accademy Children's Choir Black Market, Scarlet Woman//Teen Town, A Remake You Made, Slang, In A Silent Way//Birdland, Thanks For The Memory, Badia/Boogie Woogie Waltz Medley//8:30, Brown Street, The Orphan, Sightseeing
    Le prime tre facciate sono relative a materiale registrato durante le tournee mondiali, mentre sulla quarta è registrato materiale inedito
  13. Night Passage (1980) Wayne Shorter (sax sopr., sax ten.), Joe Zawinul (piano, el.piano, sint.), Jaco Pastorius (basso el.), Peter Erskine (batt.), Rober Thomas (perc.) Night Passage, Dream Clock, Port Of Entry, Forlorn// Rockin' in Rhythm, Fast City, Three Views Of A Secret, Madagascar
  14. Weather Report (1982) Wayne Shorter (sax sopr., sax ten.), Joe Zawinul (piano, el.piano, sint., percussioni), Jaco Pastorius (basso el., voci), Peter Erskine (batt., batt. elettr.), Rober Thomas (perc.) Volcano For Hire, Current Affairs, N.Y.C. (part one: 41st parallel, part two: The dance, part three: Crazy About Jazz)//Dara Factor One, When It Was Now, Speechless, Dara Factor Two.
  15. Procession (1983) Wayne Shorter (sax sopr., sax ten.), Joe Zawinul (piano, el.piano, sint.), Victor Bailey (basso el.), Omar Hakim (batt., chitarra, voci), Jose Rossy (perc., concertina) Procession, Plaza Real, Two Lines//Where The Moon Goes, The Well, Molasses Run
  16. Domino Theory (1985) Wayne Shorter (sax sopr., sax ten.), Joe Zawinul (piano, el.piano, sint.), Victor Bailey (basso el.), Omar Hakim (batt., chitarra, voci), Jose Rossy (perc.), Carl Anderson (voci) Can It Be Done, Db Waltz, The Peasant/ Predator, Procession, Blue Sound-Note3, Swamp Cabbage, Domino Theory
  17. Sportin' Life (1985) Wayne Shorter (sax sopr., sax ten.), Joe Zawinul (piano, el.piano, sint.), Victor Bailey (basso el.), Omar Hakim (batt., chitarra, voci), Minu Cinelu (perc., voci), Bobby McFerrin, Carl Anderson, Dee Dee Bellson Alfie Silas (voci) Corner Pocket, Indiscretions, Hot cargo, Confians//Pearl On The Half-Shell, What's Going On, Face On Barroom Floor, Ice-Pick Willy
  18. This Is This (1986) Wayne Shorter (sax sopr., sax ten.), Joe Zawinul (piano, el.piano, sint.), Victor Bailey (basso el.), Omar Hakim (batt., chitarra, voci), Minu Cinelu (perc., voci), Carlos Santana (chitarra), Marva Barnes, Colleen Coil, D.Siedah Garret, Darryl Phinessee (voci) This Is This, I'll Never Forget You, Jungle Stuff, Part 1//Man With The Copper Fingers, Consequently, Update, China Blues

Tutta la discografia dei Weather Report, eccetto Live In Tokio, Weather Report (1982), Procession, Domino Theory sono stati rimasterizzati e pubblicati su cd dalla Columbia.