Altre recensioni di questo artista/gruppo:
Stray Ideals


Sei in - Home - Rock - Hard Rock

vicolo.jpg

Artista/Gruppo:Vicolo Inferno
Titolo: Stray Ideals
Etichetta: Logic(il)logic-Andromeda –Atomic Stuff
Sito: www.logicillogic.net
Recensore:Loris Gualdi
Recensito il: 02/03/2017
Copyright: Loris Gualdi per Music on Tnt

Potenza e rabbia. Ecco cosa racconta la coverart di Stray Ideals, (lungo) full lenght dei Vicolo Inferno, power band italica dedita ad un hard rock dalle tinte piacevolmente heavy, in grado di raccontare giochi sonori legati alla fine degli anni’90.

L’ensemble, magistralmente prodotta da Riccardo “Paso” Pasini, parte dal sangue di Forum Cornelii per raccontarci un riuscito intreccio sonoro in cui la rara pacatezza espressiva (Rude soul) si abbraccia a strutture d’impatto sonoro (Grey matter brain), in cui un marcato stilema Skid Row si manifesta sulla linea vocale di Igor Piattesi, impeccabile voce dai graffi impuri.
Il quartetto, promosso dall’ormai assodata triade Logic(il)logic-Andromeda –Atomic Stuff, trova il giusto sentiero non tanto con la titletrack (ad onor del vero non troppo in linea con il resto della tracklist), quanto per merito di tracce come Unnameables, in cui i filtri vocali si mescolano ad un andamento battente per il quale appare (davvero) impossibile rimanere inermi ad ascoltare.



I richiami vintage continuano a raccontarsi mediante l’hard rock di Ambush prima e tramite i riff ac/dciani di Heartwoofer poi, ponendo le basi dell’impatto avvolgente dato da Noise of silence, ossimoro veloce e potente, pronto a spezzare le catene dell’art work.
A dare dinamica diversità, però, ci pensano poi le note di On road’s Edge, introdotta da giochi slide, pronti a donare il giusto spazio alle note dirette dalla sei corde di Marco Campoli.

A portarci verso la conclusione del disco sono, infine, le note lievi e reiterate di Crosses Market piacevole conferma di come la band abbia in sé idee e comunicatività, pronta a rifiorire sul tracciato sporco e granulare di Blood mist, chiusura di un’opera riuscita che si mostra come ponte espressivo tra HR di ieri e le influenze strutturali del nuovo millenio.

Tracklist:

1. Grey Matter Brain
2. Dirty "Magazzeno"
3. Rude Soul
4. Stray Ideals
5. Two Matches
6. Unnameables
7. Ambush
8. Heartwoofer
9. On Road's Edge
10. Rough Hills
11. Noise Of Silence
12. Crosses Market
13. Blood Mist

Questo articolo è stato letto 600 volte.