Altre recensioni di questo artista/gruppo:
Fragile


Sei in - Home - Rock - Alternative rock

100scimmie.jpg

Artista/Gruppo:Cento Scimmie
Titolo: Fragile
Etichetta: Overdub recordings
Sito: www.overdubrec.com/it/
Codice: ODR 29
Recensore:Loris Gualdi
Recensito il: 18/05/2018
Copyright: Loris Gualdi per Music on Tnt

Nati nel 2013 nella provincia padovana, i Cento Scimmie, superato lo scoglio dell’EP di esordio, arrivano a licenziare Fragile, debut forgiato dall’occhio attento della Overdub Recordings. Distribuito da Code7 e Plastic Head, il disco, piacevolmente presentato in formato digipack, stimola dinamismo e curiosità attraverso toni retrò, armonizzati in maniera ragionata a movimenti sonori che sembrano giungere da habitat differenti.

Ad introdurre l’ODR 29 è un codice morse, vestito inusuale di un riuscito opener (Cosmetico), brano eufonico e diretto, in cui la vocalità di facile accettazione affonda le proprie vibrazioni degli anni 90, anche grazie all’ausilio di riffing distorti e pelli marcate. Le sonorità, ben calibrate, offrono la propria “schiena” a riusciti giochi sonori, qui celati dietro ad un rock dai diversificati cromatismi. Le prime tracce, infatti, complice la struttura costruita sul silenzi, stop and go e pseudo-post Metal edulcorato, appaiono tra le migliori composizioni di questa nuova release.



Il disco matura poi con l'ottimo arrangiamento di Cane, in cui la linea di basso definisce un emozionalità percettiva, che a tratti mi ha riportato alla mente stralci Malfunk, rivisitati tra svisate p-funk e immediatezza espressiva. Spinta dalla sua velocità descrittoria, l’arte compositiva mostra poi un lato più distensivo con Verme, le cui accordature ipo-Stoner non riescono ad uscire dall’atteso, a differenza di ciò che accade con le dilatazioni impeccabili di Ipergiganti gialle, atmosferica e visionaria, e l’ottima Basta che funzioni, struttura sonica disegnata su di un'unica reiterazione inquinata da una linea di cantato pulita e sempre in grado di reggere i cambi direttivi di un album che, soggettivamente parlando, non mi ha conquistato a causa dell'eccessiva euritmia, ma che oggettivamente può collocarsi (senza troppi dubbi) in una fascia medio alta dell'underground.

Tracklist:

1. Cosmetico
2. Schiena
3. Cane
4. Verme (feat. Santiago Parodi Vidal)
5. Ipergiganti Gialle
6. Pezzi
7. Basta Che Funzioni
8. Labbra

Questo articolo è stato letto 249 volte.