Altre recensioni di questo artista/gruppo:
I giorni della marmotta


Sei in - Home - Folk

mondane.jpg

Artista/Gruppo:Le mondane
Titolo: I giorni della marmotta
Etichetta: Alka records
Sito: www.alkarecordlabel.com
Recensore:Loris Gualdi
Recensito il: 19/12/2018
Copyright: Loris Gualdi per Music on Tnt

“Che riguarda il mondo in quanto luogo dell'uomo e dei suoi affetti, desideri, attese.”

Tra le fila dell’Alka Record, proprio tra le ormai riconoscibili vocali alate, ha preso il volo un curioso duo alt-folk piemontese. Si chiamano Le mondane (monicker non proprio accattivante) e arrivano al loro meritato debut, povero nel suo booklet, ma ricco nelle sue sonorità. Infatti, gli influssi emozionali e divergenti, che conducono al più classico cantautorato alternativo, vengono elaborati da inusuali sonorità mediante kazoo, ukulele, mandolino e cajon collocati in un songwriting curato e a tratti citazionistico.



Ad invitarci tra le note di questo buon debutto sono le gentili corde di Perdermi e la danzante Stella e croce, entrambe chiare espressioni artistiche di un Giano bifronte, in cui convivono anime similari ma non identiche. L’album, dinfatti, appare caratterizzato da coerenza, ma al contempo anche da esplorativa narratività, proprio come dimostra l’allegria contagiosa deLa grolla del Paul.

Il mondo del combo trova poi un’anima ramblers con Settembre (rapita dal repertorio di Alberto Fortis), incastonata tra il pop mainstream e i cambi direzionali che, tra clapping hands e ukulele, evidenzia controcanti e prese easy, pronte a mutare in tradizionale spirito mediterraneo con Il boia di Torino. La traccia (probabilmente) ispirata alle vicende di Piazza della Carlina, si racconta tra arie anni ’60 e cliché folk, da cui si riparte per giungere all’acustica Strumento, che molto ricorda il mood dei Mondi Sommersi.

A chiudere l’LP sono infine due straordinarie perle: la coverizzazione della Dublino cantata da Grechi e De Gregori, e Sabba, un apice espressivo che vale l’ascolto di questo nuovo album promosso dalla label estense. Infatti, proprio la chiusura del disco sembra voler raccogliere le spezie, i sapori e l’aroma che ha definito la tracklist, posta tra inevitabili rimandi MCR e giochi dialettali, perfetti nel donare sensazioni e sentimenti osservativi.


Tracklist
Perdermi
Stella e Croce
I Giorni Della Marmotta
La Grolla Del Paul
Settembre
Il Boia Di Torino
Strumento
Dublino
Sabba

Questo articolo è stato letto 328 volte.