Logo
- Link -
Torna alla Home Page
Prefab Sprout The gunman and other stories copertina del cd.
Artista/Gruppo: Prefab Sprout
  Titolo album: The gunman and other stories  
  Etichetta: EMI  
  Web site: ---------------------  
Recensore: Pier Luigi Zanzi

© Pier Luigi Zanzi per http://www.music-on-tnt.com

Vai alla pagina precedente che hai visitato.
vai alla pagina successiva che hai visitato.

 

CD offerto gratuitamente da Pink Moon.

I miei coetanei se lo ricordano, questo gruppo, quando cantava Appetite o altri piccoli grandi brani da Steve McQueen, che credo resti il loro album di maggior successo. Chi li odia e chi li ama si trovano in genere d'accordo nel definirli comunque inconfondibili, e infatti parlare di questo loro nuovo CD a chi li conosce già è quasi inutile. Mi sforzo lo stesso, dai! ;-)

Cominciamo a dire qualcosa proprio a chi sa già di chi parlo: il nuovo lavoro di Paddy McAloon e soci è il loro "solito", scorrevole, piacevolissimo, raffinato, qui e lì appena noioso o ridondante o presuntuoso, consigliabile CD. Certo, se già avete parecchi dei precedenti lavori non è che vi troverete proprio di fronte ad un immenso sconosciuto territorio…ma sarà comunque gradevole attraversarlo, perché è gente che ha classe, si sa, e anche quando si ripete non ha mai cattivo gusto. Se non li avete mai amati, del resto, non cambierete idea adesso… neanche il sound è cambiato: la produzione di Tony Visconti ha aggiunto pochissimo -qualche piccolo piccolo sample, un pizzico di elettronica su voce e batterie, ma davvero poco poco- ad un paesaggio sonoro che identifica il gruppo da sempre e ne costituisce uno degli aspetti più qualificanti (anche perché se a costruirti il sound a inizio carriera c'è un tale che si chiama Thomas Dolby diventa complicato pensare a qualcosa di meglio per il futuro…).

Perle? Molti bei brani; direi per esempio Cowboy dreams, Love will find someone for you, Wildcard in the pack e via così. Forse si potevano risparmiare l'ultima Farmyard cat, giochino di poco conto non all'altezza del resto e di stampo eccessivamente McCartneyano nell'idea e nella realizzazione.
E per chi non li conosce, questi Prefab Sprout? Male, male! ;-) No, dicevo: una canzone di McAloon è qualcosa che armonicamente e melodicamente ha delle caratteristiche che ne fanno un caso pop specifico. La struttura compositiva dà costantemente la sensazione di volersi fermare un piccolo passo prima del completamento atteso, del compimento immaginato; va dove vorresti ma non ci arriva mai dentro, è un microcosmo che non si accontenta del minimale ma non vuole chiudersi come l'apertura lasciava credere, è un ritornello che finisce un accordo prima, un giro che fatica a compiersi come pensavi. Tutto chiaro, direi… ;-)
Insomma, che dirvi? A me è piaciuto, e come mi succede di solito con loro, mi fermo sempre un po' prima del "bellissimo"; sono lì seduto che faccio un bell'applauso convinto, e non mi alzo per la standing ovation. Li conosciate o no, dedicate un ascolto al CD, se potete: non farà male a nessun amante del pop, giuro, anzi. Poi decidete…