[Malos Cantores] Artista/Gruppo: Malos Cantores
Titolo: ....Nella stessa casa
Etichetta: Autoproduzione
Web site: MalosCantores.com
Codice: MC 02
Recensore: Lucio Cadeddu
Pubb. il: 15/10/2004
Copyright: Lucio Cadeddu per www.music-on-tnt.com
Sei in: Home > Recensioni > Pop/Rock italiano

Questo maxi-single - o mini-CD che dir si voglia - è l'opera prima del nuovo progetto Malos Cantores, duo sardo di hip-hop nato come spin-off dalla "casa madre" Sa Razza. Quilo e Micio P hanno temporaneamente accantonato il progetto storico Sa Razza per dedicarsi a qualcosa di diverso che, seppur sempre nell'orbita del rap in limba, dicesse qualcosa di ancora nuovo ed originale.
L'idea nasce già "grande" nel senso che il singolo che dà il titolo a questo mini-CD, ".Nella stessa casa", si propone con una collaborazione "importante", quel Caparezza che tanta esposizione ha avuto in quest'ultimo anno grazie ad una serie fortunata di singoli (largamente fraintesi) e di promozioni televisive.
".Nella stessa casa" e "Canta chi ti cantu" sono i due brani inediti che preannunciano l'arrivo dell'atteso primo album dei Malos Cantores. Il mini-CD contiene anche l'hit estivo "Sa Kallella", in versione originale e remixed. Come "bonus", insieme al miniCD, viene distribuita una sacca griffata "MalosCantores" ed altri gadgets promozionali. Il tutto può anche essere ordinato online presso il sito ufficiale dei MC.

Il nuovo percorso intrapreso dal duo Quilo-Micio P diventa chiaro con l'ascolto di "Canta chi ti cantu", un brano potente su basi tradizionali del folklore sardo, un testo che funziona da dichiarazione d'intenti ed un'atmosfera "noir" che non può lasciare indifferenti. L'idea, per capirci, è quella di trasferire e trapiantare i semi delle sonorità tipiche del folk isolano nel fertile terreno hip-hop. Più facile a dirsi che a farsi.ma "Canta chi ti cantu" è un germoglio che testimonia che la mutazione genetica è possibile.
Le liriche, sempre a cavallo tra limba, spagnolismi, neologismi ed italiano, sono proposte con le tonalità tipiche dei cantadores sardi, ovvero con quella certa qual gutturalità che è il marchio inconfondibile della tradizione isolana. Belle le basi, tra campionamenti di immancabili launeddas e ricordi della grande, indimenticata, Maria Carta, la vera icona della Musica folk sarda.
Il singolo ".Nella stessa casa", invece, è un invito in puro stile "Fight for your rightto party!" ovvero un brano di puro entertainment dove Caparezza si inserisce in maniera fluida. D'altra parte, il Sig. Salvemini non è nuovo a situazioni come queste, ricordo ad esempio il suo featuring nel poliedrico disco di Miele Flux (2002).
Peraltro, proprio i MalosCantores, insieme ai Balentia, hanno aperto il concerto di Caparezza a Cagliari la scorsa estate.

Completano il maxi-single due versioni de "Sa Kallella", hit estivo isolano di buona diffusione locale, un ritmo trascinante per suoni latini su base hip-hop.

La produzione è "fatta in casa come i ravioli" quindi sincera e genuina. Nel booklet gli MC dichiarano che il disco è originale e che un tentativo di masterizzazione potrebbe "fondervi lo stereo". Un modo simpatico per dire NO alla pirateria.ma per ironia della sorte la mia copia "sample" era proprio realizzata su di un CD-R, peraltro masterizzato un po' male, che mi ha dato non pochi problemi di lettura (TOC di difficile estrazione) sui miei CD players sia casalinghi che.mobili e pure sul DVD del PC. Come dire: una vendetta dei masterizzatori mascherati? :-)

In conclusione, questo maxi-single mi fa ben sperare per l'imminente nuovo album che dovrebbe uscire prestissimo (Ottobre?). Se queste sono le premesse (e mi riferisco in particolare al brano-manifesto "Canta chi ti cantu") c'è da aspettarsi grandi cose.