Logo
- Link -
Torna alla Home Page
Palast Orchester Super Hits copertina dell'album.
Artista/Gruppo: Palast Orchester
  Titolo album: Super Hits  
  Etichetta: ----------------  
  Web site: www.palastorchester.de  
Recensore: Gioachino Lorelli

© Gioachino Lorelli per http://www.music-on-tnt.com

Vai alla pagina precedente che hai visitato.
vai alla pagina successiva che hai visitato.

 
 

Molti di noi credo, in questi ultimi mesi, saranno stati attratti e sicuramente incuriositi da una canzone utilizzata nello spot pubblicitario di una famosa utilitaria italiana. Contemporaneamente, la stessa canzone veniva trasmessa giornalmente dai maggiori network radiofonici. Mi riferisco, lo avrete gia’ capito, alla celeberrima Sex Bomb, portata al successo dall’inossidabile Tom Jones alcuni anni orsono e qui riproposta in una versione quantomeno curiosa.

La prima impressione che ho avuto, e’ stata quella di un’interpretazione da “Drag Queen”, alla “Platinette” se vogliamo. Nulla pero’ si sapeva di preciso. Le radio, dal canto loro, la trasmettevano senza dire chi fosse l’interprete ( o gli interpreti). Incuriosito dal modo di cantare, che pur buffo e a modo suo “cabarettistico” lasciava tuttavia intuire i notevoli mezzi vocali del cantante, ho chiesto l’aiuto degli amici della lista nazionale di TNT e cosi’, sono venuto a scoprire, grazie ad uno di loro, che si sarebbe potuto trattare della “ Palast Orchester mit seine sanger Max Raabe.” Grazie mille, ma ne so come prima (dico tra me). Avvio una ricerca in rete e scopro un sito www.palastorchester.de.

L’amico David ci aveva azzeccato, erano proprio loro. Si tratta di un gruppo tedesco, una vera e propria big band, con trombe tromboni, saxofoni ritmica ed una bellissima violinista ( definita “la piu’ femminile del gruppo”) capitanato da quello che l’orchestra definisce molto orgogliosamente “il proprio cantante” (Seine Sanger) Max Raabe.

Leggendo un po’ la storia del gruppo, apprendo che sono assieme da piu’ di 10 anni, ed hanno al loro attivo un bel numero di CD pubblicati in Germania. Il gruppo e’ specializzato nella musica tedesca e nella canzoni da Cabaret sempre tedesche del dopoguerra ( Kurt Weill) - e gia’ si cominciano a capire molte cose sul modo di cantare di Raabe. Su di lui, poi, apprendo che e’ un artista a tutto tondo, con esperienze teatrali e cinematografiche e che, sopratutto, e’ un cantante lirico diplomato all’Accademia dell’Arte di Berlino. Un Baritono che ha al suo attivo diverse esibizioni nei “Carmina Burana” di Orff. Chi conosce bene l’opera di Orff, sa che il baritono ricopre un ruolo fondamentale e di estrema difficolta’. Dunque, l’impressione di avere a che fare con un cantante di un certo valore, non era sbagliata.

OK, chi ha voglia di saperne di piu’ sulla formazione e sul cantante, puo’ farsi un giretto sul sito segnalato. Veniamo alla Sex Bomb in questione. Tanto mistero sul brano, dipendeva dal fatto che il CD che lo contiene “ Super Hits” era in fase di lancio per l’Italia, e tutta la cornice faceva parte del battage pubblicitario. Ho prontamente prenotato il disco che mi e’ stato consegnato dal mio pusher di fiducia il giorno stesso dell’uscita in Italia. Si tratta di un disco di musica leggera, prevalentemente cover di hit famosi, riproposti con lo stile inconfondibile di Max Raabe e con gli arrangiamenti della Palast Orchester e devo dire che, sebbene l’operazione sia eminentemente commerciale ed il CD non abbia alcuna pretesa dal punto di vista culturale, il prodotto e’ molto ben riuscito e godibile. Tanto piu’, ovviamente, quanto piu’ si conoscono gli originali.

Oltre al gia’ citato Sex Bomb, troviamo “Lucky” e “oooops I did it again” di Britney Spears ( specialmente quest’ultima traccia e’ veramente scompisciante) “King of the Bongo” dei Mano Negra (Manu Chao) “Mambo N.5” di Perez Prado nella versione di Lou Bega, “Kiss” di Prince e poi Queen, Eiffel 65…insomma una carrellata sulla musica leggera “moderna” riveduta e corretta dai nostri in modo impeccabile.

La voce “gigioneggiante” di Max Raabe, dona una luce tutta paticolare a questi brani e si fa notare ed apprezzare per dei veri e propri funambolismi, (un’estensione incredibile, ascoltate Lucky e poi Kiss per rendervene conto) che, eseguiti in modo cosi’ naturale, possono non apparire come tali.all’orecchio non smaliziato, ma non sfuggiranno di sicuro all’orecchio fine. Tanto talento vocale, e’ perfettamente supportato da una band divertente, che sa cambiare volto (Dalla band da sala da ballo anni 30, al gruppo dance, all’orchestrina “oompa” in classicissimo stile tedesco. Un lavoro godibile, per un’oretta di sano intrattenimento.


Cigliegina sulla torta, a mio avviso, il prezzo suggerito (stampigliato sulla confezione) di 15 euro.


Buon Ascolto