Logo
- Link -
Torna alla Home Page
SuperShock, Les Fleurs du Mal
Artista/Gruppo: SuperShock
  Titolo album: Les Fleurs du mal  
  Etichetta: SuperShock Records  
  Web site: www.supershock.net  
Recensore: Lucio Cadeddu

2003 © Lucio Cadeddu per http://www.music-on-tnt.com

Vai alla pagina precedente che hai visitato.
vai alla pagina successiva che hai visitato.

 
 

I SuperShock sono una giovane band rock nata all'ombra della Mole Antonelliana di Torino nel 2001. Alla fine del 2002 hanno realizzato questo disco d'esordio, intitolato "Les Fleurs du Mal" (I Fiori del Male di Baudelaire). E' un disco piuttosto elaborato, che attinge a piene mani dalle infuenze di band come Smashing Pumpikins ed Afterhours, con un sottofondo, sempre presente, di suoni della new wave "oscura" dei primissimi anni '80. Mi riferisco in particolare alle ritmiche di basso e batteria, che a tratti ricordano molto i grandi Joy Division. A dire il vero anche le atmosfere, un po' "noir", riportano alla mente le avventure di Curtis & Co. ma anche la prima produzione di Nick Cave. Ancora, mi hanno ricordato molto da vicino i suoni dei Death in Venice, semi-sconosciuto gruppo "wave" dei primi anni '80.
La loro è una Musica a tratti in tonalità seppia, che richiama il grigiore di tante vite che si limitano ad esistere e poco più, come diceva il grande Oscar Wilde. La Musica dei SuperShock nasce in effetti per raccontare (e superare) il disagio giovanile, l'assenza di "sostanza" e di valori "veri" nei giovani contemporanei, persi nella ricerca dell'effimero e del piacere ad ogni costo (ma non è sempre stato così? :-)).

I tre SuperShock fanno tutto da sè, persino la produzione e la promozione, avendo fondato la propria etichetta discografica, la SuperShock Records. Cantano in inglese ed i compiti compositivi sono affidati a Paulmtv, voce, chitarre e tastiere del gruppo.
I 7 brani che compongono questo loro sintetico lavoro d'esordio possiedono spunti interessanti, sia dal punto di vista degli arrangiamenti che della composizione. Si intuisce abbastanza facilmente che non si tratta del solito gruppetto di teen-agers con scarse o nulle conoscenze musicali (ed infatti sono hanno studi di Conservatorio alle spalle) ed il disco scorre in maniera piacevole, regalando momenti piuttosto intensi, come ad esempio l'intro della prima traccia ("For Years"), a tratti epico-sinfonica, con chiare influenze classiche.
Quel che lascia piuttosto perplessi è la scelta dei suoni, invero molto particolare. Hanno optato per sonorità sporche (o apparentemente tali) e suoni compressi che a mio parere penalizzano moltissimo le capacità compositive del gruppo, tanto da avermi indotto a credere che il master fosse stato realizzato in casa su piastra a cassette.
Dopo uno scambio di opinioni coi SuperShock ho invece avuto la conferma che il loro sound, così particolare e lo-fi aggiungo io, è assolutamente voluto e cercato con pignoleria.

Da tenere d'occhio, per essere il loro disco d'esordio, questo "Les Fleurs du Mal" dei SuperShock, pur con qualche inevitabile ingenuità, è piuttosto interessante.