Logo
- Link -
Torna alla Home Page
Madonna copertina di True Blue
Artista/Gruppo: Madonna
  Titolo album: True Blue  
  Etichetta: ----------------  
  Web site: www.madonnamusic.com  
Recensore: Francesco Serini

© Francesco Serini per http://www.music-on-tnt.com

Vai alla pagina precedente che hai visitato.
vai alla pagina successiva che hai visitato.

 
 

In occassione del kolossale Drowned worl tour 2001, che toccò anche l'Italia nel Giugno dello stesso anno, la Warner ha rimasterizzato per tutto il mercato mondiale i primi tre album di Madonna. Il terzo e ultimo di questi è True blue.
Per ogni cd rimasterizzato sono state inserite in aggiunta due brani remixati: in questo caso quelle di True blue e La isla bonita.


Uscito nel 1986, due anni dopo Like a virgin e il tour omonimo, l'album divenne il secondo best seller di vendite della carriera della star. Raggiungendo la prima posiziona in 28 paesi, è di sicuro quello che realmente rese Madonna famosa in tutta la Terra.
Se gli anni precedenti i critici sottolinearono quasi esclusivamente i difetti della cantante (che indubbiamente c'erano), snobbando un fenomeno musicale e di costume che pian piano stava conquistando il mondo, adesso invece analizzarono tutto con obiettività. Ammettendo, un po' con stupore, che le loro ipotesi, ovvero che lei era solo un fenomeno passeggero e destinato ad avere poca vita artistica, erano sbagliate. I critici furono costretti a guardare Madonna da una diversa angolazione. A questo contribuì la stessa star che ancora una volta preferì attrarre l'attenzione puntando in primis sull'immagine, che doveva poi trainare il lavoro musicale.

Diversamente da quello che si poteva immaginare, la cantante abbandonò quel look da strada tutto pizzi, merletti e crocifissi, che aveva catalizzato l'attenzione dei media, favorendo la nascita un po' in tutti i paesi del mondo di piccole madonnare , chiamate wanna-be, per un aspetto più maturo ma sempre conturbante. Questo piacque alla maggior parte dei critici, che preferivano vedere le cantanti donne non provocanti. Per il video del primo singolo Live to tell, appariva con un semplice vestito e senza trucco, mentre per il secondo Papa don't preach si immedesimava in una ragazza di provincia rimasta incinta e che non voleva abortire. Questo cambio di look che nessuno si aspettava cominciò a rendere famosa la cantante per la capacità di spiazzare e di sorprendere tutti, qualità che affinò negli anni successivi, diventando oggi irraggiungibile e inarrivabile. Tant'è vero che quando tutti pensarono che la star si fosse convertita ad un comportamento retto che si rispecchiava negli abiti, ecco che sorprese tutti apparendo nel video di Open your heart, mentre interpreta una spogliarellista che balla col famoso corsetto nero, in un locale tra guardoni, voyeur, omosessuali e lesbiche. Già all'epoca, qualcuno ammise la genialità di Madonna per non stancare e annoiare mai, ma anche che tutto ciò era un'enorme e macchinosa manipolazione dei media, frutto di miliardarie strategie di mercato alle spalle.


Comunque sia, come si diceva fu con questo album che i critici cominciarono a ritenere musicalmente Madonna interessante. La ragione è da ritenere soprattutto per la variegata produzione del lavoro. Producendo e scrivendo tutti i brani insieme a Patrick Leonard, con cui iniziò una solida collaborazione e a Stephen Bray, Madonna usò uno stile diverso per ogni canzone. Il brano di apertura Papa don't preach colpisce immediatamente per il memorabile arrangiamento dell' intro tutto in archi. Anche la sua tecnica vocale è cambiata: preferendo il falsetto che l'aveva resa celebre, per una voce nasale e quindi più profonda, dà maggiore appiglio drammatico ad ogni interpretazione. Nel secondo brano Open your heart, l'uso della batteria accentua la performance sexy aggressiva rappresentata nel video. Il terzo brano White heat si rifà ad un pop elettronico, mentre Live to tell è una splendida ballata, uno dei suoi capolavori, apparentemente semplice ma costruita seguendo geniali intuizioni.

La musica interrotta ad un terzo del brano poi ripresa per i versi finali è una mossa indovinatissima. Il resto dell'album sorprende per la molteplicità degli aspetti: in Where's the party rilegge la disco anni '70, in La isla bonita la musica latina, in Jimmy Jimmy il pop ballabile degli anni 50 e nella finale Love makes the world go round quel pop scanzonato anni '80 rappresentato da gruppi come B'52s.
Da True blue si comprende che l'obiettivo di Madonna era quello di crescere artisticamente, di scrollarsi di dosso qualsiasi cosa potesse ricordare un suo lavoro precedente. Guardandosi attorno e metabolizzando con entusiasmo qualsiasi stimolo ed energia nuova, la sua arte si può benissimo considerare un tipo di performing art che anno dopo anno si evolve.